The State as a Platform for Civic Imagination: Politics and Institutions in the CO-Century

The State as a Platform for Civic Imagination: Politics and Institutions in the CO-Century

In this article, published in the 2016 Forum PA Annual report which was presented in Rome on the 19th of December, LabGov’s coordinator Professor Christian Iaione addresses the need to bring about an institutional and political change through the Platform-State.

“Perhaps we are entering in a new era, the “CO-” era, where key words seem to be community, collaboration, cooperation, communication, commons, co-design, co-production, co-management, co-housing, co-design, etc.These are all words characterized by a co- root, which recalls the making, living and growing together. This means that the administration has to re-think itself as an organization starting from the co-’s concept”. 

“Institutions must be re-thought from this viewpoint, with the aim of becoming relationships, circuits and relational ecosystems’ administrators and of developing an answer which is public not just in a subjective but also in an objective way. In this new model, public, private, third sector, cultural institutions such as schools and universities, single citizens and social innovators work together to provide an answer to society’s problems. I defined this a quintuple helix governance model, as it builds on the triple helix model (summarized in a public-private-community formula) created in Stanford to explain Silicon Valley’s success”.

“We need to re-think the organization and the culture of institutions in a framework of open-source and circularity: we need a Platform-State that does not want to guide the process but choses to act from below, supporting a circuit of relationship and allowing the above-mentioned actors to become authors and actors of general interest”.

The full article is available here in its Italian version.

 

—————————

All’interno del rapporto annuale 2016 di Forum PA è stato pubblicato l’articolo “Lo Stato – Piattaforma di immaginazione civica, la politica e le istituzioni nel secolo del CO-“, scritto dal Professor Christian Iaione, coordinatore di LabGov.

Nell’articolo il Professore sottolinea la necessità di superare il paradigma statuale tradizionale e di ridisegnare istituzioni e politiche pubbliche, ripensando l’amministrazione attorno al concetto del “CO-“, che pare adatto a descrivere il periodo in cui viviamo. Stiamo entrando in un’epoca in cui questo concetto assume infatti un rilievo sempre maggiore e si diffondono parole chiave come community, collaborazione, cooperazione, comunicazione, condivisione, conoscenza, commons, co-working, co-design, co-produzione, co-gestione, co-housing, co-progettazione, ecc. Sono tutte parole che hanno una radice nel “con”, che evoca quindi il fare insieme, il vivere insieme, il crescere insieme.

Le istituzioni vanno perciò ripensate in questa chiave, “nell’ottica di diventare amministratori di relazioni, di circuiti o ecosistemi relazionali in cui la risposta non è più soltanto pubblica in senso soggettivo, è pubblica in senso oggettivo. In cui pubblico, privato, terzo settore, istituzioni culturali come scuola e università, cittadini singoli e innovatori sociali, lavorano insieme per dare una risposta ai problemi della società, della collettività”. Questo modello viene definito da Iaione governance a quintupla elica e costruisce una rielaborazione del modello di governance a tripla elica (descritto in estrema e brutale sintesi come un modello pubblico-privato-università).

Nell’epoca del “CO-” lo Stato deve essere considerato in un’ottica di circolarità e open source, deve essere capace di trasformarsi in piattaforma, rinunciando ad essere alla guida del processo ma ponendosi invece a sostegno di un circuito di relazioni e facendo in modo che le persone, gli attori prima menzionati diventino autori e attori di interesse generale.

L’articolo può essere trovato qui nella sua forma completa.