Miss Italia presenta Labgov

Miss Italia presenta Labgov

Miss Italia 2012Salve a tutti, sono Giusy Buscemi, Miss Italia .

Vorrei ringraziare i miei amici nel gruppo LabGov che mi hanno offerto l’opportunità di partecipare a questo evento per supportare il lancio di una iniziativa così innovativa e cruciale per  “concorrere” a coltivare la “bellezza” esteriore, ma soprattutto interiore, del mio Paese, nel mio Paese.

Sono molto legata alle tradizioni e alla mia terra, per questo sono onorata di essere stata scelta per testimoniare l’esistenza di un’Italia nuova, un’Italia bella, fatta di migliaia di persone e imprese che si interessano e si spendono sempre più per preservare, coltivare e far rifiorire i beni comuni, che pubblici o privati che siano, devono considerarsi di tutti, perché si tratta di beni che “se arricchiti arricchiscono tutti, se impoveriti impoveriscono tutti”.

Si tratta di un’Italia tenuta per troppo tempo nascosta, un’Italia che i professionisti della governance cresciuti in Labgov vogliono mostrare e accompagnare, con l’aiuto delle istituzioni, della società, delle imprese e sviluppare sempre più il grande patrimonio sociale, culturale, ambientale, storico, artistico che le nostre comunità possiedono ma che in molti casi, sempre più frequenti, non vengono valorizzati o, peggio ancora, depredati. Ognuno con le proprie risorse può fare la differenza, condividere le proprie energie con gli altri per contribuire a tutelare e dare nuova luce ad un interesse generale, l’interesse di tutti.

Vogliamo aiutare a fare emergere questa bella Italia di cui oggi si parlerà. La speranza è che questa presentazione sia solo l’avvio di un cantiere per la costruzione di una alleanza tra soggetti interessati a sostenere gli obbiettivi di Labgov e dei suoi professionisti: la ricerca, la sperimentazione e la formazione per forgiare istituzioni, regole, start-up che favoriscano la collaborazione e la condivisione fra diversi attori istituzionali, sociali ed economici e realizzare ciò che fino a poco tempo fa in Italia sarebbe stato impensabile, rivalutare il nostro territorio ripartendo dalle tante risorse presenti o latenti nelle nostre comunità, perché l’Italia migliora solo se con lei miglioriamo anche noi ed il nostro modo di essere cittadini, diventando cittadini attivi!